fai cisl, mostra, lavoratori

Mostra Fotografica: Lavoratori della terra nel Novecento

Lavoratori della terra nel Novecento: al via la mostra fotografica dell’Archivio Storico Fai-Cisl

L’esposizione raccoglie 50 immagini inedite dagli anni ’50 agli anni ’90. Inaugurazione lunedì 6 febbraio a Roma presso Spazio5.

Sarà inaugurata lunedì 6 febbraio a Roma presso Spazio5, in Via Crescenzio 99/d, zona Piazza del Risorgimento, la mostra fotografica “Archivi aperti: la storia del lavoro per immagini. Lavoratori e lavoratrici della terra nel Novecento”. Il progetto raccoglie una selezione di 50 immagini che narrano il lavoro e il movimento sindacale nel settore agricolo e del tabacco dagli anni ’50 agli anni ’90.

Realizzata con il contributo della Regione Lazio, l’esposizione racconta attraverso le immagini soprattutto il lavoro femminile, i momenti di lotta e gli strumenti di comunicazione tramite volantini e manifesti digitalizzati, nonché l’esposizione degli originali di maggior pregio, sintesi del lavoro di schedatura, digitalizzazione e metadatazione del patrimonio archivistico della Fondazione Fai Cisl Studi e Ricerche, che gestisce e tutela l’Archivio Storico Fai Cisl e la Biblioteca Silvio Costantini.

All’inaugurazione interverranno Onofrio Rota, Segretario Generale Fai Cisl, Aldo Carera, Presidente della Fondazione Giulio Pastore, Vincenzo Conso, Presidente della Fondazione Fai Cisl Studi e Ricerche e Giovanna Baldi, responsabile dell’Archivio Storico Fai Cisl e Biblioteca Silvio Costantini. L’evento si terrà lunedì 6 febbraio alle ore 15; l’esposizione rimarrà accessibile gratuitamente al pubblico fino a venerdì 10 febbraio dalle 10 alle 19 e sabato 11 febbraio dalle 15 alle 20.

Il complesso archivistico raccolto dalla Fai Cisl è costituito da circa 1300 faldoni, 400 supporti multimediali e un patrimonio fotografico di 10 mila tra foto stampate, digitali e diapositive. L’Archivio è stato dichiarato dalla Soprintendenza Archivistica e Bibliografica del Lazio come “di interesse storico particolarmente importante”, ai sensi del Codice dei beni culturali e del paesaggio.

Dal 2021, grazie alla sinergia con la Direzione Generale Archivi del Ministero della Cultura, la campagna di analisi degli archivi conservati presso la Fondazione del sindacato ha consentito la raccolta di documenti prodotti dal secondo dopoguerra da lavoratori e lavoratrici agricoli rendendo il proprio patrimonio accessibile, consultabile e pienamente a disposizione di studiosi e ricercatori.

Con questa mostra – spiega il Segretario Generale della Fai Cisl Onofrio Rota – l’archivio esce al di fuori dei propri spazi per raccontare una storia di emancipazione: quella di tante donne e tanti uomini che attraverso il lavoro e il sindacato hanno realizzato sé stessi e le proprie famiglie e contribuito enormemente alla ricchezza e alla democrazia nel nostro Paese. Una storia di conquiste, che serve anche a mobilitarci oggi, a farci sperare in un futuro migliore, a ideare un progresso possibile, a coltivare una crescita da declinare al bene comune e alle nuove sfide per la sostenibilità ambientale, economica e sociale”. “Vogliamo aprire soprattutto ai più giovani uno scrigno sociologico, antropologico ed etnografico – conclude Rota – che ben poche altre testimonianze possono restituire, con uno spaccato della storia dell’Italia rurale e agricola, di borghi e aree montane, di fabbriche, territori affrancati, dal dopoguerra in poi, dal degrado, dallo sfruttamento e dalla povertà”.

Dopo la mostra romana, il progetto farà tappa anche a Latina, lunedì 13 febbraio, presso il Circolo Cittadino “Sante Palumbo” in Piazza del Popolo 2, dalle 9,30 alle 18. Successivamente, martedì 14 febbraio, a Viterbo nella Sala degli Almadiani in Piazza Martiri d’Ungheria, sempre con orario di accesso dalle 9,30 alle 18. Alle rispettive inaugurazioni, che si terranno alle 9,30, insieme a Rota, Conso e Baldi interverrà anche Antonio Macchia, docente di Storia delle Relazioni Internazionali presso l’Università di Teramo.

Archivi aperti: la storia del lavoro per immagini.
Lavoratori e lavoratrici della terra nel Novecento

INAUGURAZIONE
Lunedì 6 febbraio alle ore 15;

APERTURA
Lunedi 6 e Sabato 11 febbraio dalle ore 15.00 alle ore 20.00
Martedi 7, mercoledì 8, giovedì 9, venerdì 10, dalle ore 10.00 alle ore 19.00

Accesso gratuito 

The event is finished.

Data

06 - 11 Feb 2023
Expired!

Ora

15:30 - 20:00
Categoria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *